Rifiuti: La Regione calpesta e umilia la provincia di Taranto, oltre al danno la beffa!

Approvato il 1 agosto 2016 il ddl 128 che ridefinisce l’organizzazione nella gestione dei rifiuti urbani in Puglia mentre il 2 agosto in commissione ambiente della regione Puglia è stato approvato il ddl proposto dal Consigliere del PD Amati al fine di utilizzare parte delle risorse economiche provenienti dall’Ecotassa verso i comuni che smaltiscono fuori regione oppure nelle discariche di rifiuti speciali che guarda caso, sono quasi tutte nel tarantino.

La Regione Puglia dovrebbe vergognarsi per queste offese all’intelligenza e sulla pelle dei cittadini della provincia di Taranto. Sul ddl 128 approvato in Consiglio regionale oltre all’istituzione di un nuovo carrozzone che di fatto esautora l’assessorato all’Ambiente dai compiti di controllo e che apre un’inquietante strada per l’affidamento dei servizi ad una futura Multiutility, è stata modificata anche l’ampiezza dell’ATO portandolo dalle dimensioni provinciali (quindi 6 in tutta la Puglia) a quelle regionali (ATO unico). Per legge nazionale i rifiuti devono chiudere il proprio ciclo (dalla produzione allo smaltimento) all’interno dell’ATO per cui prima della legge regionale appena approvata, ogni singola provincia doveva smaltire i propri rifiuti nei propri confini e solo in caso di emergenza e con apposite ordinanze e deroghe, avrebbero potuto sconfinare il limite provinciale. Ora, a seguito dell’approvazione della legge regionale, il limite è stato ampliato all’intera regione per cui i rifiuti urbani potranno girare per tutta la Regione con destinazione gli impianti di smaltimento, molti dei quali sono nel tarantino, ed inoltre tutti i comuni della regione, possono continuare a fare accordi con i gestori privati delle discariche di rifiuti speciali che sono quasi tutte nel tarantino. Questo significa che le province che hanno già discariche ed inceneritori, come quella di Taranto, riceveranno regolarmente anche i rifiuti prodotti dalle altre province. In parole povere la provincia di Taranto è diventata il centro dello smaltimento dei rifiuti di tutta la regione. Grazie Emiliano!

Ma poiché al peggio non c’è mai fine, ora è in discussione in Consiglio la proposta di legge del consigliere del PD Amati che, se approvata, permetterebbe di usufruire di una parte dei proventi dell’Ecotassa per quei comuni che non hanno discariche e inceneritori nel proprio territorio e che smaltiscono o nelle altre regioni o nelle altre province – come quella di Taranto – dove sono presenti discariche di rifiuti speciali. Originariamente i fondi dell’ecotassa erano destinati unicamente ad attività utili ed indispensabili come le bonifiche, la rimozione dei rifiuti illecitamente abbandonati compresi quelli di amianto, al monitoraggio e controllo del territorio contro gli illeciti ambientali ed inoltre ai comuni virtuosi che eseguono una corretta gestione del ciclo dei rifiuti. Ora, se venisse approvata la proposta di Amati, questi fondi potrebbero andare anche ai Comuni del resto della regione per sostenere i costi di smaltimento presso le discariche Cisa e Italcave di Statte e Linea Ambiente di Grottaglie.

Oltre ad incentivare lo smaltimento a scapito delle bonifiche, del controllo e gestione corretta dei rifiuti, questi provvedimenti umiliano Taranto, la sua provincia e tutti i cittadini che hanno la sola sfortuna di avere avuto amministrazioni che hanno approvato un gran numero di discariche ed inceneritori. Beni Comuni Taranto ricorda inoltre che attualmente sono in fase di rilascio di autorizzazione altri impianti di smaltimento di rifiuti nella provincia di Taranto e i raddoppi delle discariche Italcave di Statte e Linea Ambiente di Grottaglie e che ancora non si conosce il futuro della discarica Vergine nei pressi di Lizzano.

La Regione Puglia a guida di Emiliano sta dimostrando di riuscire a fare peggio dell’amministrazione Vendola, nessuno se lo sarebbe aspettato. Sindaci, Consiglieri e Parlamentari tarantini dove siete? Oltre a piangere per le passate disgrazie che non dipendono da voi, sapete prevenire le future o siete impegnati a guardare sempre da un’altra parte?

Annunci

DDL Rifiuti Regione Puglia: verso la Multiutility? Taranto ancora svantaggiata.

Il 19 luglio 2016 il comitato Beni Comuni Taranto è stato ascoltato in V Commissione Ambiente della Regione Puglia per tramite del portavoce Giovanni Vianello in merito al ddl 128 in tema di rifiuti.

Il testo del ddl 128 della Giunta Regionale, che modifica la Legge Regionale 24/2012, è stato presentato giovedì 14 luglio. Tuttavia giovedì è stato pubblicato un primo testo che riportava diversi errori e non era corretto, infatti i giorni seguenti il testo è stato cambiato comportando un doppio lavoro di controllo, analisi e studio. Nonostante queste difficoltà e il poco tempo a disposizione, Beni Comuni Taranto ha presentato osservazioni scritte il giorno dell’audizione.

Una Proposta di Legge che se attuata (approvazione del Consiglio Regionale) aprirebbe inquietanti scenari come la gestione del servizio di raccolta spazzameno e trasporto ad un un grosso (e quasi unico) gestore per tutto il territorio regionale esautorando i Comuni e i cittadini dal potere decisionale.

Un altro elemento da sottolineare è che questo ddl 128 viene discusso a non molta distanza dalla scadenza della concessione dell’Acquedotto Pugliese spa (2018).

Pertanto si prospetta nel breve periodo l’esistenza di 2 autorità diverse – l’Agenzia per i rifiuti (di carattere regionale) per i servizi legati al ciclo dei rifiuti e l’Autorità Idrica Pugliese (già esistente) per il Servizio Idrico Integrato – che affidano i servizi a due grosse aziende rispettivamente una di gestione dei rifiuti e una di gestione del Servizio Idrico Integrato (AqP).

Ipotesi Inquietante: Nel 2018, a scadenza della concessione di AqP, le due grosse aziende potrebbero essere fuse dando vita ad una multiutility come Hera che detiene i servizi legati ai Beni Comuni (rifiuti, acqua ed energia) in parte delle regioni del Centro Nord. Queste multiutility con un management più orientato a fare utili che pensare ai reali problemi dei cittadini e dei Comuni, hanno la propensione a quotarsi in borsa. Questa situazione che ipotizziamo, significherebbe non solo la perdita di democrazia nelle scelte sui servizi di Acqua e Rifiuti, ma soprattutto significherebbe che l’Acquedotto Pugliese spa non verrà più ripubblicizzato e la possibilità che entrambi i servizi vengano pian piano ceduti a privati, come l’esperienza delle Multiutility insegna. Ipotesi inquietanti che dobbiamo fare a seguito della lettura del ddl 128 proposto dalla Giunta Emiliano che apre inevitabilmente la strada in questa direzione.

Ma c’è molto di più, soprattutto per quello che rappresenta il ddl 128 per la provincia di Taranto. A questo link trovate il documento completo presentato in Regione: criticità ddl 128 – nuova versione

Le criticità e gli aspetti del documento presentato in Regione da Beni Comuni Taranto, sono riportati in sintesi per punti qui di seguito:

1) ATO unico e il “peso” del trattamento smaltimento sulla provincia di Taranto – soprattutto articoli 1 e 2 del ddl 128 

2) Piano Regionale dei Rifiuti – citato nell’art.4 del ddl 128 (art.8 L.R. 24/2012)

3) L’inutilità dell’Agenzia (nuovi art.3, 8, 9, 9-bis, 10-ter, 10-quater, 11, 13, 14, 14-bis, 16 e 24 della L.R. 24/2012 modificati dal ddl in oggetto)

4) Confusione nell’affidamento del servizio di spazzamento raccolta e trasporto tra Agenzia e ARO (art.9 comma 6 con art. 14 comma 1)

5) Non vi è differenza tra impianti per il trattamento FORSU aerobico e anaerobico (Art. 8 comma 4)

6) Provenienti della vendita dei rifiuti alla multiutility? (art.8 comma 5)

8) Non c’è trasparenza, non c’è partecipazione popolare.

9) Competenze di VIA e AIA alla Regione (unica nota positiva)

10) L’Autorità fantasma.

11) Analisi vecchia Legge, mancanza di controllo, eccesso di ordinanze e deroghe.

12) A proposito di Deroghe e Ordinanze, la discarica Italcave.

 

La denuncia dei comitati territoriali e dei medici della provincia di Taranto: Emiliano incontraci!

Di seguito il testo del documento diffuso per la Conferenza Stampa indetta dai Comitati della provincia di Taranto: Beni Comuni Taranto, Vigiliamo per la Discarica – Grottaglie, Comitato No al raddoppio dell’Inceneritore – Massafra, ISDE – Medici per l’Ambiente, Comitato Madre Terra – Massafra, Attiva Lizzano, Comitato Territorio Bene Comune – San Marzano, Gaetano De Monte, giornalista

La denuncia dei comitati territoriali della provincia di Taranto e dei medici:

Stop discariche e inceneritori. Fermare nuove autorizzazioni. Situazione sanitaria drammatica. Il presidente della Regione Puglia intervenga.

Siamo comitati territoriali che si prefiggono lo scopo di difendere e tutelare il proprio territorio in considerazione degli effetti provocati dalla presenza di numerose discariche e inceneritori. Siamo medici impegnati da anni nella difesa dell’ambiente, nella promozione di un diverso modello economico che possa prevenire patologie e rischi sanitari. Siamo i cittadini informati e consapevoli della bomba ecologica nascosta nei pur suggestivi paesaggi della provincia di Taranto. Nella città delle industrie che producono “malattie e morte”, a ridosso del suo circondario, a est come ad ovest, gli impianti di smaltimento rifiuti autorizzati, via via “ampliati”e “raddoppiati” dagli enti territoriali competenti – da oltre quindici anni a questa parte – non si contano più.

smaltimento massafra mapp web
Impianti Cisa tra Massafra e Statte

A Massafra, cittadina di cui è sindaco l’attuale (ancora per 5 giorni) presidente della Provincia di Taranto, Martino Tamburrano. esiste una discarica di rifiuti urbani esaurita di proprietà della Cisa, un’altra discarica di rifiuti urbani sempre della Cisa, ancora in esercizio a servizio per gli RSU della provincia di Taranto che giungono nell’impianto di trattamento meccanico biologico finalizzato alla produzione di CSS. Sempre a Massafra, adiacente alle discariche, l’inceneritore “Appia Energy” in cui vi è anche la Cisa a servizio degli impianti di TMB della Regione Puglia. Lo stesso inceneritore per cui si attende a breve la decisione del Consiglio di Stato sul raddoppio (considerato comunque certo in base all’intesa Stato Regioni sull’art 35 dello “Sblocca Italia”). Sempre nel comune di Massafra, diventato negli ultimi anni lo “sversatoio” di rifiuti solidi urbani dei 29 comuni della provincia di Taranto, è in corso di autorizzazione la realizzazione di una piattaforma per lo stoccaggio e il trattamento di rifiuti liquidi non pericolosi ed inoltre è attualmente in corso anche la procedura per un nuovo impianto di incenerimento fanghi, richiesta presentata dalla S.T.F. Puglia S.r.l. A qualche metro di distanza dalle discariche Cisa di Massafra, ma in territorio del comune di Statte si trova un’altra discarica di rifiuti Speciali gestita dalla Cisa, in cui vengono smaltiti anche i rifiuti urbani provenienti dalle altre province pugliesi.

 

A qualche chilometro di distanza sempre a Statte c’è la discarica di rifiuti speciali tra le più

Italcave Statte mappa web
Impianto Italcave tra Statte e Taranto

grandi in Europa, Italcave. Anche per questo gigantesco impianto è in corso una procedura per il raddoppio del sito che attualmente raccoglie oltre ai rifiuti speciali, i rifiuti urbani dalle altre province con deroghe sui quantitativi massimi da smaltire da oltre un anno e mezzo! La discarica sorge dove prima vi era una cava e attualmente Italcave, coltiva tre distinte cave di calcare adiacenti di cui ne sta chiedendo l’ampliamento. Sempre nel territorio di Statte, a 2 km circa dall’ospedale nord, c’è la Cemerad, il capannone abbandonato, tra le case, contenente anche fusti di rifiuti radioattivi ancora in attesa di bonifica. A ridosso delle gravine c’è anche un vecchio inceneritore Amiu di rifiuti “tal quali” al servizio della città di Taranto, più volte sospeso per le emissioni inquinanti, divenuto di interesse strategico per l’art. 35 dello “Sblocca Italia”, per il quale è previsto l’ennesimo revamping dal valore di 8 milioni di euro, di cui circa 4 milioni pubblici!

 

hidrochemicalTaranto, il Comune capoluogo, lo è anche degli impianti. Si contano: la piattaforma polifunzionale per stoccaggio, depurazione e smaltimento di rifiuti liquidi pericolosi, ad alto carico organico (che fa parte dell’agglomerato portuale) gestita da Hidrochemical Service che ha ricevuto anche i rifiuti provenienti dagli impianti ENI in Basilicata; sito per cui è stata appena prorogata l’autorizzazione integrata ambientale, (AIA), fino al 2021. Sempre marchiato Hidrochemical, c’è un altro impianto di stoccaggio preliminare di rifiuti liquidi e solidi, anche pericolo

discariche Ilva web
Discariche Ilva

si, ubicato lungo la via per Statte, al Km 2. Lì a due passi ci sono anche le discariche Ilva, autorizzate con Decreto Legge e non con il normale procedimento autorizzativo, su cui pesa un capitolo del processo giudiziario in corso nei confronti delle attività del siderurgico ILVA.

 

A circa venti chilometri da Taranto in un’area pari a circa 18 km quadrati, ma in isola amministrativa del capoluogo, si trova la discarica Vergine (a poche centinaia di metri dalle prime abitazioni di Lizzano, Fragagnano, località Palombara), tutt’ora sotto sequestro e che giusto qualche mese fa ha rischiato di riaprire, per volontà dell’ente Provincia che, nonostante l’AIA scaduta, aveva visto con favore la richiesta di voltura per continuare l’attività di discarica da parte della Lutum Srl società controllata dalla Cisa. Operazione, questa, momentaneamente bloccata, dalle proteste dei comitati della provincia orientale e dal faro puntato da alcune inchieste giornalistiche. Accanto a questa vi è la precedente discarica

vergine map
Discarica Vergine nei pressi di Lizzano

 per rifiuti speciali che ha causato gravi, riconosciuti, problemi sanitari, nelle popolazioni (anche tra i bambini) comprese tra cinque comuni dell’area orientale (Lizzano, Fragagnano, Roccaforzata, Monteparano e Faggiano), cioè la Discarica Vergine di località Mennole, chiusa e mai bonificata, autorizzata nonostante le vicine discariche incontrollate che hanno accolto migliaia di tonnellate di rifiuti da ogni dove e di tipologia sconosciuta fin dall’inizio degli anni 70.

 

discariche Grottaglie Mappa
Discariche tra Grottaglie e San Marzano

Ma non è finita. Perché nel territorio di Grottaglie, al confine con San Marzano di San Giuseppe, a circa 1,5 km dal Santuario rupestre Madonna delle Grazie, è ubicato l’enorme impianto di Discarica III lotto aperto nel 2008, gestito attualmente da Linea Ambiente s.r.l., già Ecolevante s.p.a., e in un futuro probabilmente da A2A. Anche per questa discarica di rifiuti speciali è stato chiesto il raddoppio, in sopraelevazione fino a 16 metri di altezza, oltre alla richiesta di “ampliamento” per circa 30 ettari di una cava (di circa 5 ettari) adiacente alla discarica. Anche il III lotto, che dovrebbe esaurirsi nel 2017, raccoglie i rifiuti solidi urbani provenienti dalle altre province pugliesi. Separati dalla SP Carosino-Francavilla i primi due lotti della discarica Ecolevante s.p.a., in copertura provvisoria, in attesa di bonifica. Adiacenti al I e II lotto, le cave, gestite da Castelli s.r.l.

 

impianti a Manduria
Impianti di Trattamento/Smaltimento rifiuti a Manduria

Spostandoci verso Manduria, la discarica gestita da privati sorta in località “Li Cicci” esaurita e non bonificata all’interno della quale tuttora è presente un lago di percolato e fuoriuscite di biogas, con forti rischi di incendio, già avvenuti negli anni scorsi. Accanto ad essa, c’è la discarica di contrada “La Chianca”, non operativa dalla fine del 2013 ma che è in possesso di autorizzazioni ambientali rilasciate nel 2012 e 2013, per trattamento meccanico biologico finalizzato alla produzione di CSS, discarica in sopraelevazione, piattaforma rifiuti differenziati e un nuovo impianto di digestione anaerobica per l’organico.

impianti dicariche Castellaneta
Discariche a Castellaneta

Tornando nella provincia occidentale, a Castellaneta, il presidente della Provincia Tamburrano ha dichiarato che “è pronta a ripartire una discarica per gli RSU”. Sarebbe interessante capire dove, visto che a Castellaneta c’è la discarica “Ciulli”esaurita e non bonificata.

 

Più volte, sia la magistratura antimafia, che la Commissione parlamentare di inchiesta sul ciclo dei rifiuti della XVI legislatura hanno descritto come drammatica la situazione in provincia di Taranto, paventando il rischio in tutta la Puglia di infiltrazioni della criminalità organizzata.

Il presidente Emiliano alla stampa ha dichiarato che: “non ci sarà bisogno di ampliare discariche o di costruire inceneritori, l’allarmismo sorto in provincia di Taranto è ingiustificato”, anche se è la stessa intesa Stato-Regioni sull’art.35 dello Sblocca Italia, che ha decretato un potenziamento in totale di ulteriore 70 mila tonnellate annue di rifiuti da bruciare tra gli impianti di incenerimento attualmente esistenti in Puglia, di cui 4 su 6 si trovano in provincia di Taranto e ci chiediamo se non siano uno o più di questi quattro ad avere un prossimo aumento di capacità da incenerire.

Per quanto riguarda gli impianti di organico si segnala che i 4 impianti di trattamento della Forsu, senza contare quello di Manduria La Chianca già autorizzato ma non ancora in funzione, in provincia di Taranto, Amiu Taranto, Eden 99 a Manduria, Aseco a Ginosa e Progeva a Laterza, sono stati autorizzati per un quantitativo di trattamento di organico, ma anche fanghi, di gran lunga superiore al fabbisogno provinciale per cui già attualmente ricevono organico da altre province.

DGR soldi a Taranto-RifiutiVi sono poi molti dubbi in merito alla destinazione di 15,4 milioni di euro stanziati dalla Regione nel febbraio 2014, destinati agli impianti in provincia di Taranto, sia per i TMB di Manduria e Massafra, sia per gli impianti e servizi a favore del Comune di Taranto di cui l’ATO, e in parte minore Amiu, sono i soggetti attuatori. La totale mancanza di trasparenza da parte dell’ATO di Taranto, rappresentata da tutti i sindaci della provincia, che tra l’altro hanno abrogato all’unanimità la possibilità di uno sportello per il pubblico, atto a consultare e informare la cittadinanza sulla delicata questione del ciclo dei rifiuti in provincia, non fa che aumentare i dubbi. Con l’avvicendamento a capo dell’OGA del Presidente Ippazio Stefano, sostituito dal nuovo Sub-Commissario Ippazio Stefano, ci chiediamo quali miglioramenti si sperano visto che si tratta della stessa persona che fino ad ora ha detenuto il coordinamento dell’ATO della provincia di Taranto.

dati pugliaLa Puglia è una Regione che non adeguandosi alle Leggi in materia di rifiuti, in quanto non raggiunge il 65% di raccolta differenziata che avrebbe dovuto raggiungere entro il 31 dicembre 2012, vive in costante emergenza a danno soprattutto della provincia di Taranto dove l’amministrazione provinciale ha autorizzato un numero di impianti di gran lunga superiore al proprio fabbisogno territoriale. Basti pensare che oltre 1,12 milioni di tonnellate di rifiuti (urbani e speciali) sono stati smaltiti in Produzione Rifiuti Puglia per provincia Anno 2014  - Beni Comuni TarantoSmaltimento Rifiuti Urbani in Puglia per provincia anno 2014  - Beni Comuni TarantoSmaltimento Ru e RS in discariche in prov. di TA che hanno preso entrambi i titpi di rifiuti anno 2014  - Beni Comuni Tarantoprovincia di Taranto nel solo 2014 e probabilmente tale cifra è destinata ad aumentare. Di questi, 618.982 tonnellate sono di rifiuti urbani smaltiti, mentre solo 205.000 (1/3) sono quelli prodotti dal territorio tarantino. In merito allo smaltimento dei rifiuti provenienti dalle altre province, dove i sindaci, consiglieri regionali, parlamentari sono uniti e compatti nel chiedere che i conferimenti in provincia di Taranto continuino con il ricorso alle deroghe per almeno altri 18/24 mesi, i sindaci, consiglieri regionali e parlamentari del tarantino rispondono con il silenzio.

Nella convinzione, invece, che le le decisioni relative allo smaltimento dei rifiuti dovrebbero essere improntate in un’ottica di trasparenza e di partecipazione in quanto gli effetti ricadono sulle popolazioni che abitano i territori, qui ed ora, come soggetti da anni impegnati nella tutela del territorio e nella difesa della salute, noi, come cittadini adulti, prendiamo parola. E ci chiediamo, ad esempio: tutti gli impianti hanno una fideiussione? Quante sono le fideiussioni attualmente in esercizio, a quanto ammontano singolarmente? Chiediamo la mappatura dei siti chiusi (anche nei decenni precedenti) o in post gestione, la loro messa in sicurezza e bonifica. Esigiamo chiarezza sui nuovi siti di Castellaneta e Manduria. Chiediamo con insistenza che gli studi sulla situazione sanitaria dell’intera provincia vengano presi in considerazione nell’ambito delle decisioni inerenti ogni impianto di trattamento/smaltimento rifiuti esistenze o proposto. Chiediamo l’istituzione del registro di malformazioni lievi in accordo con neonatologia e il registro degli aborti spontanei. Chiediamo una modifica alla legge regionale (L.R 21/2012) sulla valutazione di danno sanitario, attraverso l’inserimento di tutti i siti di trattamento e smaltimento rifiuti soggetti ad AIA della provincia di Taranto. Che siano condotte da parte dellArpa, monitoraggi periodici con pubblicazione dei risultati (on line) delle acque di falda e nei terreni circostanti. Chiediamo che non si assista più all’orrore di efficacia di norme che prevedono di “bonificare” le cave con il riempimento di rifiuti! Pretendiamo, quindi, che né le cave in esercizio né quelle che verranno autorizzate possano essere in futuro ricolmate con rifiuti. In coerenza, che siano abrogate le eccezioni previste nelle norme transitorie del PPTR. Chiediamo la sospensione delle deroghe ai limiti di conferimento in discarica e di eluato dei rifiuti. Che nessun parere favorevole sia dato ai procedimenti autorizzativi in corso, sia per i nuovi impianti, che per ampliamenti e raddoppi. Chiediamo il ripristino dello sportello per il pubblico, abrogato dai sindaci con la prima delibera ATO Taranto del 2015 ( ex art.5 del regolamento) e che sia garantita la trasparenza degli atti on line a norma del d.lgs. 133-2012. Chiediamo la modifica del piano regionale dei rifiuti nell’ottica dell’economia circolare sul principio di Rifiuti Zero e la modifica degli impianti di TMB attualmente finalizzati per produrre CSS, per farli diventare “fabbriche dei materiali”. Per tutti questi motivi e per altri ancora, chiediamo che siano ritirate le deleghe alle Province in materia di autorizzazione per impianti di rifiuti; che le stesse siano messe in capo alla Regione (modifica L.R. 11/2001 e 17/2007); contestualmente chiediamo l’abrogazione della legge regionale 14/2015 che permette i conferimenti dalle altre province previa accordo con i gestori privati. Infine, chiediamo con urgenza un incontro al Presidente della Regione Puglia Michele Emiliano, da tenersi in provincia di Taranto, al fine di confrontarci sulla pianificazione del ciclo dei rifiuti e della tutela al diritto alla salute nei nostri territori. Siamo anche noi Puglia. E viviamo un’altra emergenza, quella sanitaria, appunto. Siamo anche noi Europa. Nella provincia più gravata dallinquinamento industriale, attualmente sono in corso diverse procedure per autorizzare nuovi impianti di trattamento/smaltimento di rifiuti urbani e speciali, “giustificati” dallemergenza. Un’emergenza che non può chiedere di “sacrificare” alcuni territori (e alcuni cittadini) a vantaggio di altri (cittadini), mentre le raccolte differenziate in Puglia sono ancora a percentuali bassissime e illegali. Speriamo di avere con questo documento dimostrato che l’allarmismo in provincia di Taranto è più che giustificato. E vogliamo con forza spiegarlo anche al presidente Emiliano, affinché dimostri nei fatti, da subito, che non c’è bisogno di ampliare discariche o di costruire inceneritori.

Beni Comuni Taranto

Vigiliamo per la Discarica – Grottaglie

Comitato No al raddoppio dell’Inceneritore – Massafra

ISDE – Medici per l’Ambiente

Comitato Madre Terra – Massafra

Attiva Lizzano

Comitato Territorio Bene Comune – San Marzano

Gaetano De Monte, giornalista

 

CONFERENZA STAMPA RIFIUTI: Comitati della provincia di Taranto.

CONFERENZA STAMPA

Basta ampliamenti, nuove discariche, inceneritori

e cave che diventeranno discariche

La situazione nella provincia di Taranto è davvero allarmante e le recenti “emergenze” stanno consentendo ai rifiuti urbani delle province di Brindisi, Bari e Lecce di esser smaltiti nelle discariche private del tarantino, già sedi dello smaltimento di rifiuti speciali provenienti da tutta Italia e in procedura di raddoppio e/o di voltura. Inoltre sono attualmente in corso richieste per nuovi impianti di trattamento e incenerimento di rifiuti speciali. Le associazioni e comitati che seguono da anni il tema dei rifiuti Beni Comuni Taranto, Vigiliamo per la Discarica – Grottaglie, Comitato No al raddoppio dell’Inceneritore – Massafra, ISDE – Medici per l’Ambiente, Comitato Madre Terra – Massafra, Attiva Lizzano, Comitato Territorio Bene Comune – San Marzano, chiedono di incontrare con urgenza il presidente Michele Emiliano.

Il documento che sarà diffuso nel corso della conferenza spiega le ragioni di un tale preoccupante allarme. Si invitano testate giornalistiche e tv locali, associazioni ambientaliste e quanti hanno a cuore la salute e la tutela del territorio

TARANTO – LUNEDÌ 30 MAGGIO h 10,30

Libreria Gilgamesh, via Oberdan 45

BUS Gratuiti? Il Diritto alla Mobilità.

Cosa è il diritto alla mobilità? Gratuito a Taranto è impossibile?  Proposte per una Taranto diversa.

Diritto alla libera circolazione

mobilità bene comuneIl “Diritto alla Mobilità” inteso come “libertà di circolazione” è sancito dalla nostra Carta Costituzionale all’art.16 e anche della Carta dei Diritti fondamentali dell’Unione Europea all’art.45. Inoltre  l‘art.13 della “Dichiarazione Universale dei Diritti dell’Uomo sancisce al primo comma che “Ogni individuo ha diritto alla libertà di movimento (…) entro i confini di ogni Stato”. Tuttavia occorre specificare che in Italia tale principio è costituzionalmente subordino alle esigenze di “sanità” e “sicurezza” ed è inteso come la possibilità di muoversi liberamente senza restrizioni. E’ importante ribadire che il Diritto si realizza nel momento in cui tutti, soprattutto le fasce di popolazione più disagiate ed economicamente svantaggiate, possono circolare liberamente e ciò può avvenire per mezzo di servizi pubblici che sono tali proprio perché il loro esercizio comporta una responsabilità collettiva. In conseguenza, il trasporto pubblico locale dovrebbe esser considerato come un servizio che ha come compito quello di eliminare le disparità sociali dando uguali opportunità per raggiungere i luoghi nel proprio comune, quali ad esempio, d’istruzione, di salute, di lavoro ai cittadini meno abbienti, che difficilmente possono sostenere il costo della mobilità privata per recarsi sul luogo di lavoro, per raggiungere l’istituzione scolastica oppure per usufruire dei servizi legati alla salute. Avendo queste caratteristiche, quindi, il “diritto” dovrebbe esser garantito a tutti attraverso l’erogazione di contributi da parte delle Amministrazioni e non attraverso il concetto del “chi consuma paga” che invece è proprio dei servizi a mercato.

 TPL (Trasporto Pubblico locale) Gratuito

La città di Tallin in Estonia nel 2013 ha iniziato a fornire un servizio di Trasporto Pubblicoestonia-tallinn-bus-fpt Locale Gratuito a tutti i cittadini residenti non solo per esigenze legate a soddisfare il Diritto alla mobilità ma anche perché questa iniziativa è stata intrapresa per raggiungere diversi obbiettivi fondamentali per una città moderna e intelligente (Smart City) come la diminuzione del traffico, che è causato soprattutto dai mezzi privati (che in una grande città di circa 430 mila abitanti generano molti problemi) e contestualmente una riduzione delle emissioni di CO2. I risultati sono stati incoraggianti e hanno portato benefici sociali in quanto la gratuità del servizio non solo ha permesso una migliore accessibilità alla città ma anche favorito l’utilizzo del mezzo pubblico agli abitanti dei quartieri “popolari” che da sempre tpl1-680x365abitano lontano dal centro urbano. E’ ovvio che tale risultato con il solo TPL gratuito non si sarebbe raggiunto se non si fossero attuate politiche atte a scoraggiare l’uso del veicolo privato con l’istituzione di corsie preferenziali per i bus, il divieto d’accesso in alcune zone alle auto, il contestuale aumento dei costi dei parcheggi e un nuovo e più confortevole parco mezzi che ha garantito puntualità nel servizio del Trasporto Pubblico Locale. L’accesso al servizio del TPL gratuito di Tallin è possibile solo per i residenti ai quali viene fornita, sotto cauzione di un paio di euro, una tessera. Tutti gli altri, turisti compresi, devono invece acquistare un biglietto. Tallin non è l’unica città ad erogare un servizio di TPL gratuito, ma è la prima grande città, una capitale d’Europa, a farlo (oltre 400 mila abitanti).

Ma a Taranto quanto costerebbe il servizio gratuito sulle normali corse urbane? amat busInnanzitutto bisogna sfatare la diceria che oggi il Trasporto Pubblico Locale si regga con il criterio del “full recovery cost”, cioè con gli “incassi” del costo del biglietto. Ciò oggi non è possibile e non lo sarebbe se non con un vertiginoso aumento di costi dei biglietti e con una contestuale diminuzione degli investimenti e taglio di forza lavoro. Infatti attualmente il servizio di TPL in Italia è per buona parte già finanziato dallo Stato (ma anche dalle Regioni) attraverso il “Fondo nazionale per il concorso finanziario dello Stato agli oneri del trasporto pubblico locale” istituito dall’Art 16-bis Decreto Legge n.95 del 2012. Tuttavia questo fondo (con fonti di finanziamento previste dalla Legge di stabilità 2013; dal Fondo trasporto pubblico locale, anche ferroviario; dalla Legge finanziaria 2008; dalla Legge n.549/1995) si attesta a circa 4,9 miliardi di euro, per la Puglia circa 398 milioni, L’assegnazione del Fondo è legata a meccanismi di primalità e non comprende una quota rilevante che lo Stato non eroga più, pari a 1,5 miliardi, che le Regioni devono compensare. Tuttavia la Puglia non ha rispettato gli obiettivi da raggiungere previsti dal  DPCM del 11 marzo 2013 che definisce i criteri e le modalità con cui ripartire il Fondo e quindi ha avuto un decurtamento ulteriore di circa 24 milioni di euro.

amatTornando a Taranto, in casa Amat, in merito al discorso del TPL gratuito si segnala che nel 2014 su 28,16 milioni euro di ricavi della società AMAT esclusivamente per il trasporto autobus, solo 2,92 milioni circa provengono dai corrispettivi della vendita di biglietti e abbonamenti del servizio ordinario, cioè solo il 10,3%.  Valore dell’entrata che addirittura scende se si considerano tutti i servizi erogati dall’AMAT a solo il 9,29% dei ricavi totali. A ben vedere, ha ottenuto maggiori ricavi la gestione della sosta tariffaria (parcheggi) affidata alla società. Forse ora è più chiaro il perché a Taranto i parcheggi spuntano come funghi. In conclusione insieme alle politiche per scoraggiare l’utilizzo del mezzo privato (descritte sopra alle quali vanno aggiunte politiche di sharing economy) basterebbe “relativamente poco” per poter fornire un trasporto pubblico locale gratuito, garantendo il “diritto alla mobilità”, favorendo l’inclusione sociale, l’accesso alla città, la mobilità sostenibile, la riduzione di emissioni inquinanti. Ovviamente spetta alla politica decidere se sia meglio investire per un TPL gratuito oppure per altro…

amat elaborazione dei ricavi BCT

Triv nel Golfo di Taranto. Quante e quali sono?

Grande confusione regna sui media e sui social in merito alle richieste di “trivellazione” che interessano il Mar Jonio settentrionale e più precisamente il Golfo di Taranto. Articoli, nomi, numeri dati senza alcuna verifica e poiché la minaccia ogni giorno che passa si fa sempre più concreta, facciamo un punto della situazione su quali e quante sono le istanze che pendono come una spada di Damocle sul nostro mare. Di primaria importanza, è necessario comprendere di cosa stiamo parlando, perché generalmente con il termine “Triv” si intendono tutte le procedure che portano a svuotare un giacimento di idrocarburi, ma in realtà le attività legate a questa vecchia, obsoleta e rischiosa attività economica si suddividono in tre attività ben distinte: Prospezione, Ricerca e Coltivazione di Idrocarburi. I titoli vengono rilasciati dal Ministero dello sviluppo economico (MISE) Direzione generale per la sicurezza dell’approvvigionamento e per le infrastrutture energetiche, Divisione VII – Rilascio e gestione titoli minerari, espropri, royalties. Per capire cosa sono consulteremo la normativa di settore e precisamente il Decreto Ministeriale 4 marzo 2011 – Disciplinare tipo per i permessi di prospezione e di ricerca e per le concessioni di coltivazione di idrocarburi liquidi e gassosi in terraferma, nel mare e nella piattaforma continentale” nella parte dedicata alle definizioni.

Prospezione  (Titolo rilasciato dal MISE)

«attività di prospezione»: attività consistente in rilievi geografici, geologici, geochimici e geofisici eseguiti con qualunque metodo e mezzo, escluse le perforazioni meccaniche di ogni specie, intese ad accertare la natura del sottosuolo e del sottofondo marino;

«permesso di prospezione»: titolo non esclusivo che consente le attività di prospezione, rilasciato ai sensi dell’art. 3 della legge 9 gennaio 1991, n. 9 e ai sensi della legge n. 239 del 2004;

Ricerca (Titolo rilasciato dal MISE)

«attività di ricerca»: insieme delle operazioni volte all’accertamento dell’esistenza di idrocarburi liquidi e gassosi, comprendenti le attività di indagini geologiche, geochimiche e geofisiche, eseguite con qualunque metodo e mezzo, nonché le attività di perforazioni meccaniche, previa acquisizione dell’autorizzazione di cui all’art. 27 della legge 23 luglio 2009, n. 99;

N.B. la perforazione meccanica del permesso di Ricerca, viene fatta esclusivamente per verificare se ci sono realmente gli idrocarburi nel sottofondo marino e non per estrarli.

«permesso di ricerca»: titolo esclusivo che consente le «attività di ricerca» rilasciato ai sensi dell’art. 6 della legge 9 gennaio 1991, n. 9, come modificato dall’art. 1, comma 77, della legge 20 agosto 2004, n. 239, per ultimo modificato dal comma 34 dell’art. 27 della legge 23 luglio 2009, n. 99;

Tra le attività di Ricerca e Prospezione, purtroppo sono ricompresi i micidiali “Air Gun” che non è l’unico metodo per verificare la presenza di idrocarburi, ma è quello più utilizzato dalle società e allo stesso tempo il più rischioso per tutti gli animali marini.

air gun cetacei-spiaggiati

Essendo estremamente pericolosi per l’Ambiente, le attività di Ricerca e Prospezione di Idrocarburi quando prevedono l’utilizzo di rilievi geografici, geologici, geochimici e geofisici eseguiti con l’Air Gun, sono obbligate a fare una Valutazione d’Impatto Ambientale (VIA) presso il Ministero dell’Ambiente (MATTM)

Coltivazione  (Titolo rilasciato dal MISE)

«attività di coltivazione»: insieme delle operazioni necessarie per la produzione di idrocarburi liquidi e gassosi;

«concessione di coltivazione»: titolo che consente le attività di sviluppo e coltivazione di un giacimento di idrocarburi liquidi e gassosi, rilasciato ai sensi dell’art. 9 della legge 9 gennaio 1991, n. 9, come modificato dall’art. 1, comma 82-ter, della legge 20 agosto 2004, n. 239, modificato dal comma 34 dell’art. 27 della legge 23 luglio 2009, n. 99;

Anche l’attività di Coltivazione di idrocarburi oltre ad essere un’attività inquinante, è estremamente rischiosa e per questo prima del rilascio del titolo minerario, è necessario attivare la VIA.

Titoli e istanze richieste nel Golfo di Taranto.

Ora che sappiamo come si suddividono le istanze per ottenere un titolo di prospezione, ricerca e coltivazione di idrocarburi, vediamo quante sono le istanze che insistono nel Golfo di Taranto e nello Jonio Settentrionale. Innanzitutto c’è già un titolo di Ricerca rilasciato ad APENNINE ENERGY, che si trova entro le 12 miglia dalla costa (e quindi è congelato fino “all’esaurimento del giacimento”, anche se il titolo non permette la coltivazione) fortunatamente, per il momento, la società non ha fatto richiesta di effettuare indagini con gli Air-Gun, qualora lo facesse, è necessario attivare una VIA presso il MATTM, stessa cosa in caso di pozzo esplorativo. Il Conferimento  del Titolo è avvenuto il 9 giugno del 2014 da parte del MISE.

appennine enrgy golfo mappa

Il Titolo di Ricerca è stato denominato:

D.R 74.AP

 

 

Ora passiamo alle istanze di ricerca e prospezione richieste dentro al Golfo di Taranto, cioè tutte le richieste che devono essere ancora autorizzate e che possono anche essere negate da parte dei Ministeri competenti. Sugli esisti, molto dipende dalle popolazioni e dagli amministratori locali.

Prospezione (in attesa di autorizzazione)

L’istanza di Permesso di Prospezione in Mare della SCHLUMBERGER ITALIANA. L’area del permesso di prospezione ha una estensione di 4.030 km2 (MATTM) ed è ubicata nella Zona Marina “F”. Il progetto prevede l’acquisizione di circa 4.285 km di linee sismiche 3D utilizzando la tecnologia air-gun per comprendere l’estensione e la natura delle strutture geologiche presenti nel Golfo di Taranto. Attualmente è  in corso di valutazione ambientale presso il MATTM e cioè è in quell’arco di tempo che passa dalla richiesta di presentazione della VIA all’emanazione del decreto VIA. Ha una superficie enorme di ben 4025 km2 (MISE).shoulberger golfo prospezione

L’istanza di Prospezione è:

d 3 F.P-.SC

Questa prospezione prevede l’utilizzo degli Air Gun, ma la VIA ancora non è stata rilasciata.

 

 

Ricerca (in attesa di autorizzazione)

Sono ben 3 le istanze di Ricerca di idrocarburi che sono state fatte dentro il Golfo di Taranto e distano oltre 12 miglia dalla Costa.

Istanza di Permesso di Ricerca in Mare dell’ENI  denominata  d 67 F.R-.AG. Questa istanza per il momento non prevede l’utilizzo di Air Gun, per cui per il momento la VIA è esclusa. Occorre ricordare che la VIA sarà necessaria sia se l’ENI vorrà effettuare Air Gun, sia nel caso vorrà fare il pozzo esplorativo. L’istanza vorrebbe avere in esclusiva il titolo di Ricerca per una superficie di 441,5 km2 proprio di fronte alle coste di Taranto, Pulsano, Lizzano, Maruggio. L’istanza è stata riperimetrata a seguito della Legge di Stabilità 2016 perchè alcune aree dell’istanza ricadevano all’interno delle 12 miglia. La riperimetrazione è riportata sul BUIG (Bollettino ufficiale degli idrocarburi e delle georisorse) di Gennaio 2016 anno LX, n.1. eni golfo

 

L’istanza di Ricerca è:

 d 67 F.R-.AG.

Istanza di Permesso di Ricerca in Mare dell’ENEL LONGANESI DEVELOPMENTS  denominata d 79 F.R-.EN. Questa Istanza ha già ricevuto il 12 Giugno 2015, la VIA favorevole dal Ministero dell’Ambiente all’utilizzo degli Air Gun, nonostante l’opposizione di cittadini, comitati, associazioni, Comuni e Regioni che hanno prodotto numerose osservazioni contrarie alla procedura. Per concedere il titolo abilitativo all’istanza, manca solamente l’autorizzazione del MISE che non tarderà ad arrivare se la popolazione e le amministrazioni non si oppongono a questo progetto. Ha una superficie di 748,7 km2

enel golfo

L’istanza di Ricerca è:

d 79 F.R-.EN.

Questa prospezione prevede l’utilizzo degli Air Gun,  la VIA è stata rilasciata, manca solo il Decreto del MISE che potrebbe giungere a breve.

 

Istanza di Permesso di Ricerca in Mare dell’ENEL LONGANESI DEVELOPMENTS  denominata d 92 F.R-.EN. Non è ancora stata  pubblicato l’inizio della procedura di VIA nel sito del MATTM. L’istanza vorrebbe avere in esclusiva il titolo di Ricerca per una superficie di 748,7 km2 .enel golfo 2

 

 

L’istanza di Ricerca è:

d 92 F.R-.EN.

 

 

Istanze richieste nel Mar Jonio settentrionale (fuori dal Golfo di Taranto)

Ora passiamo alle istanze di ricerca che sono nell’immediata vicinanza del Golfo di Taranto e quindi nel Mar Jonio settentrionale e sono ben 6 le istanze di Ricerca di idrocarburi.

Istanza di Permesso di Ricerca in Mare delle società PETROCELTIC ITALIA (50%r.u.) ed EDISON   (50%) denominata d 84 F.R-.EL. Il permesso di ricerca ha una superficie di 729,20 km2 ed è ubicato nel mar Ionio settentrionale nella zona F. Il progetto prevede l’acquisizione ed il reprocessing dei dati sismici esistenti e l’acquisizione di un nuovo rilievo sismico 3D. Attualmente è in procedura di VIA al MATTM  perché prevede l’utilizzo degli Air Gun. Tuttavia al momento non risultano sul sito web, che siano pervenute osservazioni al Ministero dell’Ambiente. petroceltic ed edison ionio 84

 

L’istanza di Ricerca è :

d 84 F.R-.EL

 

Istanza di Permesso di Ricerca in Mare della GLOBAL MED LLC denominata d 85 F.R GM   Il permesso di ricerca ha una superficie di 729,20 km2 ed è ubicato nel mar Ionio settentrionale nella zona F. Attualmente è in procedura di VIA al MATTM  perché prevede l’utilizzo degli Air Gun. Anche per questa procedura, sono stati presentati un gran numero di osservazioni contrarie da palla cittadinanza e dalle amministrazioni. L’istanza vorrebbe avere in esclusiva il titolo di Ricerca per una superficie di 748,4 km2. global ionio 85

 

L’istanza di Ricerca è :

d 85 F.R-.GM

 

Istanza di Permesso di Ricerca in Mare della GLOBAL MED LLC   denominata  d 86 F.R-.GM. L’area del permesso di ricerca ha una estensione di 748,6 km2 ed è ubicata nel Mar Ionio settentrionale, zona “F”, a largo delle coste calabresi. Il progetto prevede l’acquisizione di circa 222 km di linee sismiche 2D mediante tecnologia air-gun ed un eventuale rilievo geofisico 3D. Attualmente è in procedura di VIA al MATTM  perché prevede l’utilizzo degli Air Gun. Anche per questa procedura, sono stati presentati un gran numero di osservazioni contrarie da palla cittadinanza e dalle amministrazioni. L’istanza vorrebbe avere in esclusiva il titolo di Ricerca per una superficie di 748,6 km2. global ionio 86

 

L’istanza di Ricerca è :

d 86 F.R-.GM.

 

 

Istanza di Permesso di Ricerca in Mare delle società GLOBAL MED LLC denominata d 87 F.R-.GM L’area del permesso di ricerca ha una estensione di 737,5 km2 ed è ubicata nel Mar Ionio settentrionale, zona “F”, a largo delle coste calabresi. Il progetto prevede l’acquisizione di circa 225 km di linee sismiche 2D mediante tecnologia air-gun ed un eventuale rilievo geofisico 3D. Attualmente è in procedura di VIA al MATTM  e sono state inviate un discreto osservazioni contrarie. global ionio 87

 

L’istanza di Ricerca è :

d 87 F.R-.GM

 

 

Istanza di Permesso di Ricerca in Mare delle società GLOBAL MED LLC denominata d 89 F.R-.GM.   L’area del permesso di ricerca ha una estensione di 744,6 km2 ed è ubicata nel Mar Ionio settentrionale, zona “F”, a largo delle coste pugliesi. Il progetto prevede l’acquisizione di circa 147 km di linee sismiche 2D mediante tecnologia air-gun ed un eventuale rilievo geofisico 3D. Attualmente è in procedura di VIA al MATTM  e sono state inviate un gran numero di osservazioni contrarie. global ionio 90

 

L’istanza di Ricerca è :

d 89 F.R-.GM

 

 

Istanza di Permesso di Ricerca in Mare delle società GLOBAL MED LLC denominata d 90 F.R-.GM. L’area del permesso di ricerca ha una estensione di 749,1 km2 ed è ubicata nel Mar Ionio settentrionale, zona “F”, a largo delle coste pugliesi. Il progetto prevede l’acquisizione di circa 153 km di linee sismiche 2D mediante tecnologia air-gun ed un eventuale rilievo geofisico 3D. Attualmente è in procedura di VIA al MATTM  e sono state inviate un gran numero di osservazioni contrarie.global ionio 90

 

L’istanza di Ricerca è :

d 90 F.R-.GM

 

 

 

 

 

Rifiuti ATO Ta: i cittadini non devono partecipare

I Sindaci della provincia di Taranto hanno deciso che i “Rifiuti” sono “cosa loro” e i cittadini non devono partecipare.
La delibera è la n.1 del 7 gennaio 2015, nella quale all’unanimità i sindaci dei Comuni della provincia di Taranto presenti alla riunione OGA-ATO e cioè dei comuni di Avetrana, Crispiano, Fragagnano, Grottaglie, Manduria, Massafra, Pulsano, San Giorgio Jonico, San Marzano di S.G., Sava e Taranto (tutti gli altri erano assenti), hanno deciso di abrogare nel “Regolamento per il funzionamento dell’Ufficio di Presidenza dell’OGA-ATO Provincia di Taranto“, l’Art. 5 “Ufficio relazioni con il pubblico”.

L’obbiettivo dell'”Ufficio”, previsto dalla proposta di regolamento, era quello di garantire la piena attuazione della legge 7 agosto 1990, nr. 241 e di favorire la partecipazione del cittadini. L’Ufficio Relazioni con il Pubblico, sarebbe dovuto essere una struttura organizzativa centrale di comunicazione (informazione, ascolto, proposta), per tutte le problematiche ambientali connesse al servizio svolto dall’ATO sul territorio della Provincia di Taranto.

L’Ufficio, avrebbe potuto anche, mediante rete telematica, articolarsi sul territorio in uno o più “Sportelli del cittadino”, finalizzati a dare attuazione al principio della trasparenza dell’attività amministrativa, al accesso alla documentazione ed a una corretta informazione, alla rilevazione sistematicamente dei bisogni e del livello di soddisfazione dell’utenza rispetto ai servizi erogabili e/o erogati.

Compito dell’Ufficio l’Ufficio, previsto dalla proposta di regolamento abrogata dai sindaci, era quello di proporre adeguamenti e correttivi per favorire, anche su segnalazione ed eventuali proposte dell’utenza, l’ammodernamento delle strutture, la semplificazione delle procedure, del linguaggio e l’aggiornamento delle relazioni di scambio tra l’ATO e l’utenza cittadina; All’Ufficio Pubbliche Relazione, sarebbe dovuto esser affidato il ruolo primario di “certezza e chiarezza informativa” circa le modalità di accesso e di fruizione del servizio da parte dei cittadini, la struttura dell’ATO avrebbe quindi dovuto garantire la piena collaborazione e la tempestività delle informazioni richieste, compreso l’accesso del documenti detenuti dalle stesse strutture.

Sarebbe stato un passo in avanti in questa terra dove la trasparenza delle amministrazioni e il favorire la partecipazione della cittadinanza, non hanno mai brillato… e invece no, grazie alla proposta di abrogazione dell’articolo 5, avanzata dei sindaci dei Comuni di Grottaglie e San Giorgio J. e condivisa da tutti i sindaci presenti, l’articolo è stato abrogato.

Cattura

e con l’abrogazione, di conseguenza, è stata abrogata la partecipazione dei cittadini e con essa anche la trasparenza.

Chissà per quali motivi i Sindaci hanno abrogato questo articolo, sta di fatto che ci sembra un’altra occasione persa da queste amministrazioni sul tema dei rifiuti che da queste parti è considerato un tema molto, molto “scottante”…

Rifiuti: Ogni provincia smaltisca i propri rifiuti, Taranto non può pagare per tutti!

La situazione sta diventando insostenibile, arrivano rifiuti e organico dalle province di Lecce, Brindisi e Bari, di questo passo i siti di smaltimento si esauriranno presto e per questo c’è la preoccupazione che ne sorgano dei nuovi, in particolare a Manduria e a Castellaneta.  Il principio di prossimità sui rifiuti urbani, nonché il territorio tarantino, non possono essere calpestati per l’ennesima volta perché nelle altre province hanno gestito in maniera pessima gli impianti di smaltimento e non sono in grado di fare le raccolte differenziate.

Il Presidente del Consiglio con lo Sblocca Italia vorrebbe raddoppiare gli inceneritori nel tarantino l’ente Provincia mantiene uno strano silenzio sui nuovi inceneritori di rifiuti speciali a Massafra e sui raddoppi richiesti per le 2 discariche di Rifiuti Speciali di Grottaglie e Statte mentre ancora non è pienamente scongiurata la prosecuzione della Discarica Vergine a Lizzano. Nel frattempo l’ente ha rilasciato nel 2015 la proroga a Hidrochemical che gestirà rifiuti pericolosi almeno fino al 2021. Per il Presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano, sembra che il problema non sia di suo interesse.

Nel 2011 avevamo detto chiaramente, dimostrandolo dati alla mano, che tutti gli impianti di smaltimento di rifiuti autorizzati dalla Provincia di Taranto, potevano smaltire quantitativi di rifiuti di gran lunga maggiori al fabbisogno provinciale e che c’era il serio rischio che con tali impianti, i rifiuti giungessero dalle altre province e regioni. Il tempo ci sta dando purtroppo ragione per cui oggi non si comprende perché non siano stati già rifiutati dalle amministrazioni le richieste di raddoppi delle discariche e degli inceneritori attualmente in corso in provincia di Taranto.

Dalle carte dell’inchiesta sul petrolio della procura di Potenza si apprende che l’ENI di Viggiano inviava parte dei propri rifiuti pericolosi a Taranto ed inoltre in questo contesto preoccupante ma legate ad altre vicende, non si possono dimenticare le due discariche di rifiuti speciali dentro l’Ilva, autorizzate con decreto legge e non con il normale procedimento amministrativo. Come mai queste notizie preoccupanti non sono da stimolo per gli amministratori locali per difendere il proprio territorio e procedere ad una corretta gestione dei rifiuti? Vorremmo anche comprendere dove sono andati a finire i 34,2 milioni di euro che nella riunione del 2 maggio 2013, i Presidenti degli OGA pugliesi con la Regione Puglia guidata da Vendola, hanno deciso di impiegare per il trattamento dei rifiuti che non sono stati differenziati. Se oggi i siti di smaltimento di metà Puglia sono giunti al collasso, che fine hanno fatto questi soldi?

Negli ultimi anni il quantitativo dei rifiuti smaltiti in provincia di Taranto è andato via via crescendo (vedi tabella sotto – ISPRA: Rapporto Rifiuti Urbani 2015 – dati riferibili al 2014) superando il mezzo milioni di tonnellate nel solo 2014 a fronte di una produzione che si aggira solo per la Provincia di Taranto ad una quota di poco inferiore alle 300 mila tonnellate annue.

smaltimento rifiuti provincia di Taranto 2014

Beni Comuni Taranto chiede al Presidente della Regione Emiliano un cambio di rotta immediata e una seria pianificazione iniziando a fare quello che hanno fatto nella Toscana dove la Regione ha tolto le deleghe alle Province sulle autorizzazioni agli impianti di smaltimento dei rifiuti. Ogni provincia smaltisca i propri rifiuti, Taranto non può pagare per tutti!

Referendum: Taranto risponde ancora, la battaglia continua!

Dopo Acqua e Nucleare, Taranto c’è anche contro le Trivelle, ora si blocchi Tempa Rossa e le Trivellazioni nel Golfo.

L’esito referendario non arriva al quorum, ma i dati di Taranto sono di gran lunga al di sopra della media nazionale. Beni Comuni Taranto facente parte del Coordinamento No Triv Terra di Taranto e del Comitato Nazionale “Vota SI” ringrazia i cittadini.

Innanzitutto un grande ringraziamento alle Donne e agli Uomini tarantini, pugliesi e lucani che hanno dato molto per questo referendum il risultato ottenuto anche se non sufficiente, comunque ci legittima ad andare avanti e a non fermarci contro le trivelle nel Golfo e contro Tempa Rossa. Così come avvenuto con i referendum Acqua e Nucleare del 2011, la cittadinanza tarantina e pugliese dimostra che se sollecitata e informata adeguatamente sa rispondere. Certamente l’ostacolo del quorum è un muro difficile da oltrepassare e questo dovrebbe interrogarci sul perchè il quorum esiste nei referendum popolari mentre non esiste durante le elezioni politiche. Per cui il primo round è andato ma i territori hanno risposto e la battaglia continua sempre con maggiore determinazione.

Sembra che l’affluenza maggiore sia arrivata dove ci sono vertenze territoriali importanti tipo TAP a Melendugno, Triv in terra in Basilicata  e Triv in mare in Puglia e Basilicata, anche Tempa Rossa a Taranto ha giocato un ruolo importante. Inoltre dove le attività del turismo “green” legato alla preservazione del Mare, i dati sono più rilevanti come alle Tremiti o in tanti altri posti nel Salento, dato che dovrebbe farci riflettere su che tipo di economia dovremmo puntare al fine di tutelare ambiente, salute e attività economiche non impattanti sui territori ma fortemente remunerative. Ovviamente la modalità con cui è stato proposto questo referendum tramite le Regioni – senza l’anno supplementare per fare informazione con la raccolta firme ed inoltre senza cittadini, comitati e movimenti tra i promotori – nonché il breve tempo di propaganda dovuto all’anticipo della data al 17 aprile anziché l’accorpamento con le amministrative a Giugno, non ha aiutato a raggiungere l’obiettivo. Come insegnano i referendum del 2011, tra tutti quelli sull’Acqua, la proposta popolare rimane la modalità da seguire.

Abbiamo appena passato un’altra tappa di questo lungo percorso e Taranto, la Puglia e la Basilicata hanno risposto, l’era delle fonti fossili sta giungendo al termine e nuove iniziative già al vaglio, tra cui molte proposte popolari, presto verranno presentate o sono già in atto perchè la Democrazia non si esercita solo una volta all’anno, ma si realizza quando la partecipazione popolare è continua. Presto sostituiremo le politiche delle fonti fossili con politiche di risparmio ed efficientamento energetico degli edifici, fonti di energia rinnovabili diffuse e mobilità sostenibile. Ora tocca concentrarsi rispetto il progetto Tempa Rossa che passa per competenza anche in capo alla Regione Puglia e contro le 4 istanze nel Golfo di Taranto, 3 di Ricerca di ENI ed ENEL ed 1 di Prospezione della Schlumberger. Tre di queste prevedono l’utilizzo dei micidiali Air-Gun che potrebbero danneggiare le specie protette come Cetacei e Delfini e allontanare le specie ittiche indispensabili per attività come la Pesca.

Triv in mare: 2015, più del 50% del gas estratto, non soggetto a royalties!

30 concessioni di coltivazione non pagheranno neanche 1 euro

Beni Comuni Taranto sulla base dei dati diffusi dal Ministero dello Sviluppo Economico, ha calcolato il quantitativo di gas estratto in mare esente da royalties scoprendo che nel 2015 più del 50% di GAS estratto in mare è esente da Royalties. La notizia ha dell’incredibile ma la conferma si trova direttamente elaborando i dati pubblicati sul sito del Ministero dello Sviluppo Economico, sulla pagina dedicata alla Produzione nazionale di idrocarburi.

In tutto il mare italiano nel 2015 si sono estratti circa 4,5 miliardi di metri cubi di gas (4.525.837.702 smc) di cui però solo 2,25 miliardi di mc (2.259.076.643 smc) sono soggetti a royalties. Più di 2,26 miliardi di mc (2.266.761.059 smc), più 50%, sono invece quelli esenti e che quindi non comportano nessun rientro economico per lo Stato Italiano.

Produzione nazionale idrocarburi mare

Non è una dimenticanza delle multinazionali ma è l’effetto della normativa italiana che prevede un quantitativo gratuito garantito. Ai sensi dell’articolo 19 del Decreto Legislativo 25 novembre 1996, n. 625, infatti, per l’estrazione di Gas in mare c’è una quota annuale di produzione esente da royalties per i primi 80 milioni di mc per ogni concessione. Nel 2015 sono state 17 le concessioni in mare che hanno prodotto più di 80 milioni di mc di gas mentre sono ben 30 le concessioni che non sono arrivate a produrre fino a questa soglia e non pagheranno neanche 1 euro di royalties. Anche per il petrolio le cose non vanno tanto meglio, il “quantitativo gratuito garantito” in mare esente da royalties è di 50 mila tonnellate per ogni concessione e nel 2015 su un totale di circa 750 mila tonnellate prodotte, circa 293 mila tonnellate di greggio sono gratuite!

Indicazioni generali sulle royalties applicate alle produzioni di idrocarburi

Nella seguenti tabelle potete vedere quante sono le concessioni in mare di Gas e petrolio suddivise tra quelle che hanno prodotto più del quantitativo minimo gratuito e quelle che ne hanno prodotto meno.

concessioni e royalties 2015 mare

concessioni e royalties 2015 mare olio

Occorre ricordare che in Italia, i giacimenti di idrocarburi sono patrimonio indisponibile dello Stato (articolo 826 c.c.). Tuttavia lo Stato non si impegna direttamente nella ricerca e nel loro sfruttamento, che lascia in concessione ad imprese private che con questi grandi sconti si impadroniscono del petrolio e gas e lo rivendono a caro prezzo ai cittadini. Ci si chiede come mai mentre le multinazionali degli idrocarburi hanno un “minimo gratuito garantito”, lo stesso concetto non avviene applicato alle bollette del gas ed energia che ogni mese milioni di italiani sono costretti a pagare con grandissimi sacrifici, pena la sospensione del servizio.

Le royalties sono comunque un palliativo e a prescindere dal loro valore e non risolvono il problema perchè insistono sulla logica di compensare per un disagio arrecato ma il disagio è troppo rilevante in termini di inquinamento, salute e perdita di risorse. Non bisogna farsi accecare e mettere a rischio ambiente e salute per qualche ritorno economico, qualunque esso sia, figuriamoci se di bassa entità come per le royalties. A dimostrazione di quanto detto, basta vedere la Basilicata che è la Regione in Italia che incassa il maggior gettito dalle royalties, eppure è tra le Regioni più povere e diversi studi sanitari negli anni hanno registrato un’anomala crescita di patologie riconducibili anche all’eccesso di esposizioni da inquinanti. L’unica soluzione è cambiare completamente il modello energetico puntando sulle fonti di energia rinnovabili diffuse e sulla riqualificazione degli edifici per renderli a risparmio energetico. Bisogna abbandonare la politica energetica fossile, perché obsoleta, rischiosa e non porta alcun giovamento ai cittadini italiani.

Gettito royalties anno 2015 Basilicata